Agevolazioni

Nuove Imprese a Tasso Zero per Giovani e Donne

BENEFICIARI NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO PER GIOVANI E DONNE

Per accedere a queste agevolazioni le imprese devono:

  • essere costituite  in  forma  societaria,  ivi  incluse  le  società cooperative
  • avere la compagine societaria composta, per  oltre  la  metà numerica dei soci e di quote di partecipazione, da soggetti  di  età compresa tra i diciotto e i trentacinque anni ovvero da donne
  • essere costituite  da  non  più  di  dodici  mesi  alla   data   di presentazione della domanda di agevolazione (Start up)
  • essere di micro e  piccola  dimensione
  • essere regolarmente costituite ed essere iscritte nel Registro delle imprese
  • essere nel pieno e libero esercizio dei  propri  diritti,  non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali

Non sono ammesse agli aiuti le imprese controllate da soci controllanti imprese che abbiano  cessato, nei dodici mesi precedenti la data di presentazione della  richiesta, un’attività  analoga  a  quella  cui  si  riferisce  la  domanda  di agevolazione.

INIZIATIVE AMMISSIBILI

  • Produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato
  • Trasformazione dei prodotti agricoli;
  • Fornitura di servizi a imprese e persone;
  • Commercio di beni e servizi;
  • Turismo;
  • Attività di natura turistico-culturale e attività legate all’innovazione sociale

INIZIATIVE NON AMMISIBILI

  • inerenti i settori pesca
  • inerenti alla produzione primaria di prodotti agricoli ed acquacoltura

SPESE AMMISSIBILI

spese  necessarie  alle  finalità del programma di investimento  sostenute dall’impresa a decorrere  dalla data di presentazione della domanda ovvero dalla data di  costituzione  della società nel caso in cui la domanda sia presentata da persone fisiche. (con varie percentuali massime a seconda della tipologia)

Tipologie di spese

  • suolo aziendale
  • fabbricati, opere edili/murarie, comprese le ristrutturazioni
  • macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica
  • programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione  e  della  comunicazione  (TIC)
  • brevetti, licenze e marchi
  • formazione  specialistica dei soci e dei dipendenti del soggetto beneficiario, funzionali alla realizzazione del progetto
  • consulenze specialistiche.

AGEVOLAZIONE

  • Finaziamento a TASSO ZERO per investimenti fino a 1,5 milioni di euro
  • durata massima di 8 anni 
  • importo non superiore al 75% della spesa ammissibile.

Il rientro sarà effettuato dall’impresa beneficiaria con rate semestrali a decorrere dall’erogazione del finanziamento.

FONDI DISPONIBILI

nuove imprese a tasso zero

 

150 milioni di euro

42 milioni di euro utilizzati al 1/3/17

Procedura a sportello (valutazione in ordine cronologico)

SCADENZE

Apertura : 13/01/16

Chiusura : esaurimento fondi

NOTA BENE

Spesso i fondi a tasso zero sembrano agevolazioni di poco conto. La realtà è che se consideriamo un tasso di indebitamento bancario del 5% (e vorrei vedere a fine anno in quanti hanno effettivamente questo tasso!) su una cifra di 1’000’000 significa in 8 anni un risparmio di oltre 200’000 euro!

Senza considerare che in questo caso NON vengono richieste garanzie personali o ipotecarie! (con una eccezione in questo bando per gli immobili)

RISULTATI (aggiornamento 1/3/17)

mappa startup finanziate

 

Qui affianco trovate la mappa dei progetti approvati.

In tutto al 1/3/17 sono state finanziate 171 iniziative su 1495 domande presentate che corrispondono a poco più dell’11% (undici percento)

La distribuzione delle assegnazioni corrisponde abbastanza fedelmente alla distribuzione della domanda. E credo che già questo sia un dato su cui riflettere.

Fa certamente riflettere il basso numero di finanziamenti richiesti (e corrispondentemente ottenuti) dalle regioni del Nord.

Complessivamente poi il dato di una così bassa percentuale di approvazioni non può che essere indice di scarsa validità delle proposte assieme ad una scarsa capacità di presentare queste proposte.

Ho avuto modo di valutare delle proposte per la partecipazione a questo bando che non ho però seguito in fase di presentazione per un duplice motivo:

  • dalle analisi fatte l’idea imprenditoriale era “scarsa”
  • mancava in modo significativo la capacità imprenditoriale del vertice aziendale (con l’indisponibilità di essere affiancati da temporary manager)
  • mancava la disponibilità ad investire nella consulenza di progettazione dell’investimento e dell’esposizione del progetto.
  • Queste domande sono state tutte presentate ed elaborate da chi di professione dovrebbe occuparsi di contabilità e fisco e che invece spesso si occupano di redarre “busines plan” per partecipare ai bandi (che tanto cosa ci vuole!)
  • Questi sono i risultati!

Compila il modulo qui sotto per avere più informazioni e una pre-valutazione dell’ammissibilità degli investimenti

Richiesta Informazioni
* informazione necessaria
Informativa privacy

 

Scheda di riepilogo sintetica senza carattere di ufficialità ed esaustività con obiettivo di informazione generale. Per approfondimenti occorre fare esclusivo riferimento al bando e alla normativa ufficiale.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *