Emilia Romagna: Bando per la Transizione Digitale

E’ stato pubblicato dalla Regione Emilia Romagna il Bando per la Transizione Digitale delle PMI.

SCHEDA BANDO TRANSIZIONE DIGITALE

BENEFICIARI

Imprese PMI, aventi qualunque forma giuridica, operanti in tutti i settori di attività economica, tra i quali quello manifatturiero, del commercio, del turismo e dei servizi.

Con unità locale o la sede operativa in Emilia Romagna

Sono esclusi i settori della pesca, dell’acquacoltura e della produzione primaria dei prodotti agricoli.

AGEVOLAZIONE

40 per cento

Contributo a fondo perduto fino al 40% della spesa ammissibile.

Contributo massimo 150.000 euro (comprensivo del contributo aggiuntivo)

Spesa minima ammissibile 20.000 euro

Ulteriore contributo a fondo perduto del 5% nel caso che:

  • il progetto proposto abbia una ricaduta positiva sull’occupazione dell’impresa proponente in
    termini di acquisizione di nuove competenze nel settore dell’ICT o dell’organizzazione aziendale;
  • per le imprese femminili o giovanili;
  • per le imprese con rating di legalità;
  • nel caso in cui i soggetti proponenti i progetti operino, con riferimento alle sedi operative/unità locali dove si realizza l’intervento, nelle aree montane;
  • nel caso in cui i soggetti proponenti i progetti operino, con riferimento alle sedi operative/unità locali dove si realizza l’intervento, nelle aree dell’Emilia-Romagna comprese nella carta nazionale degli aiuti di stato a finalità regionale approvata dalla Commissione Europea con la Decisione C(2022)1545 del 18 marzo 2022 (c.d. AREE 107. 3. C);
  • nel caso in cui i soggetti proponenti i progetti operino, con riferimento alle sedi operative/unità locali dove si realizza l’intervento, nelle aree interne dell’Emilia-Romagna (AREE INTERNE),

INTERVENTI AMMESSI

Sono ammissibili gli interventi finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi e organizzativi aziendali e dei prodotti, con particolare riferimento all’implementazione di soluzioni digitali nelle catene di fornitura, vendita ed e-commerce, distribuzione di beni e logistiche, nei processi di erogazione dei servizi, nei sistemi di comunicazione e di marketing.

Gli interventi potranno essere realizzati:

  • per implementare soluzioni tecnologiche digitali nei processi interni all’impresa proponente il progetto;
  • per implementare soluzioni tecnologiche digitali di filiera, con particolare riguardo a quelle riguardanti le specializzazioni produttive previste nella “Strategia di ricerca e innovazione per la specializzazione intelligente 2021/2027” (S3)

potranno riguardare:

  • l’implementazione di soluzioni tecnologiche finalizzate a favorire un primo passo verso l’ottimizzazione delle funzioni aziendali (DIGITALIZZAZIONE BASE);
  • l’introduzione/implementazione di almeno una delle 9 tecnologie abilitanti previste dal piano nazionale impresa 4.0 (Internet delle cose, Big data analytics, Integrazione orizzontale e verticale dei sistemi, Simulazioni virtuali, Robotica, Cloud computing, Realtà aumentata, Stampanti 3d, Cybersecurity), compreso l’adattamento di impianti esistenti ad almeno una delle suddette tecnologie; (DIGITALIZZAZIONE AVANZATA);

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili a finanziamento le seguenti spese

  • a) acquisto di strumenti, attrezzature, macchinari hardware (ivi comprese le spese di trasporto), software e/o servizi erogati nella soluzione cloud computing e SAAS (Software as a service);
  • b) realizzazione di piccoli interventi edili, murari e di arredo strettamente collegati e funzionali all’installazione di strumenti, macchinari e attrezzature. Tale spesa è riconosciuta nella misura massima del 10% della voce di spesa indicata nella precedente lettera a) e comunque per un importo massimo di 10.000,00 €;
  • c) acquisizione di consulenze specialistiche legate all’implementazione dei processi oggetto di intervento Tale spesa è riconosciuta nella misura massima del 30% della voce di spesa indicata alla lettera a) e b) e comunque per un importo massimo pari a 20.000,00 €;
  • d) costi generali per la definizione e gestione del progetto, compreso l’addestramento del personale per l’acquisizione delle nuove competenze richieste per effetto dell’implementazione del progetto di digitalizzazione. Tale spesa è riconosciuta applicando, ai sensi dell’articolo 54, comma 1, lettera a) del Regolamento (UE) 2021/1060, un tasso forfettario pari al 5% della somma delle voci di spesa indicate nelle lettere a), b) e c).

Gli interventi dovranno essere avviati a partire dalla data del 1° luglio 2022. Ai fini del presente bando l’avvio degli interventi coincide con la data di assunzione del primo impegno giuridicamente vincolante ad ordinare i beni e/o i servizi richiesti o di qualsiasi altro impegno che renda irreversibile la spesa, quali ad esempio la
sottoscrizione, per accettazione, del preventivo e/o la sottoscrizione di un contratto e/o di una lettera d’incarico;

Gli interventi dovranno essere conclusi entro la data del 31 dicembre 2023;

DOTAZIONE FINANZIARIA

25 milioni di euro

OPERATIVITA’

Bando a sportello con valutazione in ordine cronologico di presentazione.

Contributo in regime de minimis.

SCADENZE

Le domande di contributo dovranno essere trasmesse alla Regione entro e non oltre i seguenti termini

  • dalle ore 10.00 del giorno 13 settembre 2022 alle ore 13.00 del giorno 20 settembre 2022 dovranno essere presentate le domande relative ai progetti che prevedono la realizzazione di una parte della spesa, per almeno il 20% della spesa complessiva, nell’anno 2022;
  • dalle ore 10.00 del giorno 21 settembre 2022 alle ore 13.00 del 20 ottobre 2022 dovranno essere presentate le domande relative ai progetti che non prevedono la realizzazione di una parte della spesa nell’anno 2022.

RISORSE UTILI

COME POSSIAMO AIUTARTI

Per questo incentivo possiamo supportare le aziende con:

  • Analisi dei progetti, raccolta documentazione e rielaborazione dati
  • presentazione della domanda
  • Rendicontazione delle attività effettivamente svolte

Scheda di riepilogo sintetica senza carattere di ufficialità ed esaustività con obiettivo di informazione generale. Per approfondimenti occorre fare esclusivo riferimento al bando e alla normativa ufficiale.

Condividi