Definizione di Mid Cap

Negli ultimi mesi è comparsa nell’ambito della finanza agevolata la definizione di Mid Cap.

La definizione generale di Mid Cap è dall’abbreviazione inglese “middle-size capitalization” una società quotata caratterizzata da una media capitalizzazione.

Questa definizione in realtà non è adatta al mondo della finanza agevolata che richiede definizioni precise.

Putroppo queste definizioni “precise” sono arrivate in diversi atti normativi e fanno riferimento a parametri sostanzialmente diversi e modalità di calcolo altrettanto diverse.

DEFINIZIONE MID CAP SIMEST

La definizione di Mid Cap per le normative di agevolazione di SIMEST è: “Imprese non qualificabili come PMI con un numero di dipendenti non superiore a 1.500 unità, calcolato sulla base del regolamento UE n. 651/2014”.

Il regolamento UE n. 651/2014 fa riferimento alla definizione europea di PMI con il significato di dover ricomprendere il calcolo dei dipendenti a livello di gruppo di aziende.

Se l’impresa richiedente fa parte di un gruppo bisogna ragionare come gruppo e non singola impresa tenendo conto di collegate e associate

DEFINIZIONE MID CAP FONDO DI GARANZIA

La definizione che è stata data invece dalla normativa con riferimento al Fondo di Garanzia è “le imprese, diverse dalle PMI, con un numero di dipendenti non superiore a 499”

In questo caso non vi è alcun riferimento alla normativa europea e si ritiene pertanto che il calcolo vada fatto sulla singola azienda senza tenere conto di imprese collegate o associate.

DEFINIZIONE DI MID CAP BANDI REGIONE LOMBARDIA

MidCap (o Imprese a media capitalizzazione, incluse le piccole imprese a media capitalizzazione): si intende le imprese, che non rientrano tra le PMI, che presentano un organico fino a un massimo di 3.000 dipendenti, secondo la definizione di cui al Regolamento (UE) n. 1017/2015 del 25 giugno 2015, art. 2, punti 6 e 7

RISORSE UTILI

SE VUOI RIMANERE AGGIORNATO SULLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE INSERISCI LA TUA EMAIL QUI SOTTO!
Informativa privacy