Bandi PSR Veneto 2022

Sono stati pubblicati dei nuovi Bandi del PSR Veneto per il 2022. Si tratta dei bandi pervisti dal Piano di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020

INVESTIMENTI AZIENDALI PER RIDURRE LE EMISSIONI IN AGRICOLTURA – ATTREZZATURE

Tipo intervento 4.1.1 – Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

BENEFICIARI

  • Agricoltori
  • Cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e allevamento di animali.

AGEVOLAZIONE

I contributi sono calcolati sulla spesa ammessa, come segue:

  • in zona montana: 60% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 50% per altre imprese agricole
  • in altre zone: 50% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 40% per altre imprese agricole.

INTERVENTI AMMISSIBILI

  • Acquisto di macchine e attrezzature per la riduzione dell’impatto ambientale, il miglioramento del benessere animale e la conservazione del suolo (agricoltura conservativa, agricoltura di precisione), in particolare attrezzature per la distribuzione e l’interramento degli effluenti non palabili:
    – Spandiliquame trainato (carrobotte) con interratori
    – Spandiliquame semoventi con interratori
    – Sistemi ombelicali atti all’interramento
    – Attrezzature portate atte all’interramento degli effluenti non palabili.
  • Spese generali secondo quanto previsto agli Indirizzi procedurali generali ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità.

SCADENZA

29/10/2022

INVESTIMENTI AZIENDALI PER RIDURRE LE EMISSIONI IN AGRICOLTURA – STRUTTURE

Tipo intervento 4.1.1 – Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

BENEFICIARI

• Agricoltori
• Cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e allevamento di animali.

AGEVOLAZIONE

I contributi sono calcolati sulla spesa ammessa, come segue:
– in zona montana: 60% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 50% per altre imprese agricole
– in altre zone: 50% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 40% per altre imprese agricole.

INTERVENTI AMMESSI

• Investimenti strutturali ed impianti per lo stoccaggio, il trattamento e la gestione dei residui agricoli e dei reflui aziendali comprese le strutture realizzate con tecnologie volte alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, in particolare:
– interventi finalizzati alla copertura delle vasche esistenti per effluenti non palabili con strutture impermeabili alla pioggia, rigide o flessibili
– costruzione e ristrutturazione di vasche per la raccolta degli effluenti non palabili per consentire una maggiore capacità di stoccaggio rispetto ai limiti minimi imposti dalla normativa vigente
– acquisto di serbatoi flessibili autoportanti in materiale plastomerico/elastomerico(sacconi), comprese le opere necessarie per l’installazione, in sostituzione delle strutture di stoccaggio esistenti, oppure finalizzati a creare volumi di stoccaggio aggiuntivi rispetto a quelli previsti dalla normativa vigente
– acquisto e installazione di impianti di separazione solido/liquido e relative
opere di collegamento, in abbinata agli interventi di cui ai tre punti precedenti

• Spese generali secondo quanto previsto agli Indirizzi procedurali generali ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità.

SCADENZA

29/10/2022

RIPRISTINO DI DANNI ALLE FORESTE

Tipo intervento 8.4.1 – Risanamento e ripristino delle foreste danneggiate da calamità naturali, fitopatie, infestazioni parassitarie ed eventi climatici

BENEFICIARI

Soggetti proprietari e/o gestori di aree forestali, così definiti:

• Soggetti privati
• Associazioni o Consorzi di privati
• Regole
• Comuni
• Associazioni di Comuni
• Unioni Montane/Comunità Montane
• Associazioni miste privati/Comuni
• Altre Amministrazioni pubbliche, di cui al decreto legislativo 30/03/2001, n. 165.

Sono considerati equiparati ai proprietari i conduttori con titolo di comproprietà, comunione legale, affitto, mezzadria, colonia parziaria, concessione.

AGEVOLAZIONE

Il livello di aiuto è pari al 90% della spesa ammissibile.
La spesa sarà determinata, qualora pertinente, sulla base del Prezzario Regionale Agroforestale approvato.

INTERVENTI AMMISSIBILI

Interventi dedicati al ripristino delle foreste attaccate da bostrico tipografo (Ips typographus):

  • investimenti selvicolturali nelle aree danneggiate a causa di attacchi da bostrico tipografo
  • rinfoltimento e reimpianto di popolamenti attaccati da bostrico tipografo

Interventi di ripristino delle foreste:

  • ripristino del potenziale forestale compromesso da danni di origine biotica o abiotica
  • investimenti selvicolturali nelle aree danneggiate volti all’allontanamento e taglio di piante morte o irrimediabilmente compromesse, o parti di esse, a causa di eventi biotici (problematiche fitosanitarie) o abiotici (schianti da vento/neve, ecc.)
  • rinfoltimento e reimpianto di popolamenti abbattuti a causa di eventi biotici o abiotici (utilizzando, tra le specie autoctone, quelle che risultano essere più adatte ad affrontare la causa specifica del danno)

Stabilizzazione/recupero di aree forestali in cui si sono verificati fenomeni di dissesto idrogeologico (frane, smottamenti, erosioni superficiali, ecc) anche con tecniche di ingegneria naturalistica:

  • investimenti selvicolturali nelle aree danneggiate da fenomeni di dissesto idrogeologico volti all’allontanamento e taglio di piante morte o irrimediabilmente compromesse, o parti di esse
  • rinfoltimento e reimpianto di popolamenti abbattuti da fenomeni di dissesto idrogeologico (utilizzando, tra le specie autoctone, quelle che risultano essere più adatte ad affrontare la causa specifica del danno)
  • scoronamento e conguaglio del terreno
  • opere di captazione e drenaggio acque superficiali
  • investimenti di consolidamento del versante danneggiato da fenomeni di dissesto idrogeologico con tecniche di ingegneria naturalistica (ad esempio: muri di sostegno, palizzate, arce, fascinate, viminate, inerbimenti, ecc)
  • investimenti per il ripristino, delle opere e manufatti esistenti al servizio dei boschi (rif. DGR 2224/2011), per la sola parte danneggiata da fenomeni di dissesto idrogeologico

Gli interventi, possono essere attuati tramite l’esecuzione di uno o più investimenti specifici.

SCADENZA

29/10/2022

INVESTIMENTI SELVICOLTURALI STRAORDINARI

Tipo intervento 8.5.1 – Investimenti per aumentare la resilienza, il pregio ambientale e il potenziale di mitigazione delle foreste

BENEFICIARI

Soggetti proprietari e/o gestori di aree forestali, così delineati:
Soggetti privati
Associazioni o consorzi privati
Regole
Comuni
Associazioni di Comuni
Unioni Montane /Comunità Montane, esclusivamente se gestori di aree forestali per conto dei Comuni
Associazioni miste privati/Comuni

Sono considerati equiparati ai proprietari: i conduttori con titolo di comproprietà, comunione legale, affitto, mezzadria, colonia parziaria, concessione.

AGEVOLAZIONE

Il livello di aiuto è pari all’80% della spesa ammessa.

La spesa massima ammissibile è pari a 7.600,00 €/ha.

Nel caso di investimenti di recupero di soggetti vulnerabili anche singoli la spesa massima ammissibile è di 12.000,00 €/ha.

La spesa massima ammissibile di 12.000,00 €/ha si applica solo nel caso in cui l’intervento consista nell’esclusivo recupero di soggetti vulnerabili; nel caso in cui sulla medesima superficie si effettuino interventi misti (es. recupero di soggetti vulnerabili associati ad altri interventi come cure colturali, ecc.) la spesa massima ammissibile è fissata in 7.600,00 €/ha.

La spesa deve essere determinata sulla base del Prezzario Regionale Agroforestale approvato.

INTERVENTI AMMESSI

Sono ammissibili i seguenti investimenti finalizzati all’aumento della resilienza:

• cure colturali;
• rinfoltimento con l’uso, tra le specie autoctone, di quelle che risultano essere più adatte all’area forestale oggetto di investimento;
• recupero di soggetti vulnerabili, come definiti all’allegato 11.1, anche singoli e delle formazioni degradate.

Sono ammissibili i seguenti investimenti finalizzati all’aumento del pregio ambientale:
• rinaturalizzazione di formazioni forestali.

Sono ammissibili i seguenti investimenti finalizzati all’aumento del potenziale di mitigazione delle foreste:
• avviamento ad alto fusto dei cedui;
• normalizzazione della composizione del bosco;
• diradamenti;
• riceppature.

Gli interventi possono essere attuati tramite l’esecuzione di uno o più investimenti.

SCADENZA

29/10/2022

Bando PSR Veneto 2021

Testo del Bando


INVESTIMENTI INNOVATIVI PER ATTREZZATURE, MACCHINARI, STRUTTURE E IMPIANTI FORESTALI

Tipo intervento 8.6.1 – Investimenti in tecnologie forestali e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti forestali (Focus Area 5C)

BENEFICIARI

• Micro, piccole e medie Imprese (PMI) definite ai sensi dell’allegato I del regolamento (UE) n.702/2014 della Commissione.

• Soggetti proprietari e/o gestori di aree forestali, così delineati:
– Soggetti privati
– Associazioni o consorzi privati
– Regole
– Comuni
– Associazioni di Comuni
– Unioni Montane /Comunità Montane, esclusivamente se gestori di aree forestali per conto dei Comuni
– Associazioni miste privati/Comuni.

Sono considerati equiparati ai proprietari: i conduttori con titolo di comproprietà, comunione legale, affitto, mezzadria, colonia parziaria, concessione

AGEVOLAZIONE

Il livello di aiuto è pari al 40% della spesa ammissibile.
La spesa deve essere determinata, qualora pertinente, sulla base del Prezzario Regionale Agroforestale approvato.

INTERVENTI AMMISSIBILI

• Acquisto di macchine, attrezzature, mezzi dedicati a:
trattamento e trasformazione della biomassa forestale da destinare a fini energetici (es. segaspacca,cippatrici, macinatori, ecc.),
trasporto in conto proprio, prevalentemente della biomassa forestale
lavorazione in azienda delle biomasse,
trattamento biomasse a scopo energetico (esempio: pellet, cippato, bricchetti, ecc.).

• Acquisto di impianti fissi ed investimenti immateriali collegati all’uso di tali macchine

• Creazione e ristrutturazione straordinaria di piazzole attrezzate per lo stoccaggio del materiale legnoso, nonché piazzali di deposito e ricovero per legname e mezzi produttivi presso l’azienda, compreso l’acquisto e l’installazione di essiccatoi per la stagionatura e la conservazione prevalentemente della biomassa forestale ad uso energetico.

• Costruzione, acquisto e ammodernamento di immobili prevalentemente destinati alla lavorazione delle biomasse forestali ad uso energetico, purché sussista un nesso diretto tra l’acquisto e gli obiettivi dell’operazione cofinanziata, secondo le modalità previste dal documento degli Indirizzi Procedurali Generali del PSR

• Acquisto di terreni edificati e non, relativi all’investimento, prevalentemente connessi al trattamento delle biomasse forestali ad uso energetico, secondo le modalità previste dal documento degli Indirizzi Procedurali Generali del PSR.

SCADENZA

29/09/2022

Scheda di riepilogo sintetica senza carattere di ufficialità ed esaustività con obiettivo di informazione generale. Per approfondimenti occorre fare esclusivo riferimento al bando e alla normativa ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *